Get Adobe Flash player

bambole

Pagina 6 di 6
« Prima
...
2
3
4
5
6

Tempo fa una signora di Firenze capitò nel mio laboratorio e s’innamorò di una mia bambola. Dopo averla coccolata un pò decise di adottarla e mi disse che aveva una vecchia bambola malandata a casa a cui era molto affezionata. Le dissi che tante mi portano vecchie bambole per rimetterle un pò in sesto e così le promisi che avrei esaminato la sua vecchia bambola e , se possibile, l’avrei curata e rimessa in ordine. Mi disse che aveva poche speranze, ma accettò la mia proposta. Non è stato un lavoro facile ma, come sempre , le imprese più disperate sono quelle che mi stimolano di più.  Giudicate voi e se avete delle bambole vecchie e bruttine non relegatele nel dimenticatoio…con poca spesa possono tornare dolci e tenere e farvi compagnia.

IMG_0058IMG_0061IMG_0064

 

 

 

Il mio piccolo popolo in attesa del Natale cresce con una nuova bimba di pezza che da ieri  mi guarda dalla credenza della mia sala. Oggi farà il suo ingresso nel laboratorio dove tutti potranno vederla e decidere di adottarla. Come ho già spiegato nel mio primo post sulle bambole,alle  bimbe che dò in adozione lascio che sia chi le adotta a dar loro il nome che preferiscono. Anche questa piccolina è tutta di pezza, da qualche tempo ho smesso di usare la maglina e preferisco il lino perchè così l’imbottitura viene più rigida ed è più semplice farle stare in piedi senza supporto. Le calzine sono ricavate da una vecchia maglia, il vestitino e il gilet sono di cotone flanellato e il cappottino l’ho realizzato facendo un corpino (ricavato da una vecchia sciarpetta) al quale ho attaccato il resto lavorato a maglia. Il cappellino è stato una autentica avventura perchè l’ho rifatto tre volte, ma tutto è bene quel che finisce bene….  bimba morimori bimba 2

Quando il caos nel mio laboratorio diventa insostenibile, è il momento in cui mi prende il furore dell’ordine e a quel punto salta fuori di tutto…pezzetti di feltro, bottoni spaiati…pezzi di corda, rotolini di lana colorata, pezzetti di cotonina a quadretti…troppo carina per buttarla via…e a quel punto due sono le ipotesi, o si butta via tutto o si aguzza l’ingegno. Assolutamente incapace di buttare via anche uno spillo senza tentare almeno di utilizzarlo, provo a dare forma a tutto…il feltro, i bottoni e la lana diventano portacellulari, portasigarette,porta qualunque cosa, belli colorati,facendo attenzione a combinare bene i colori che nelle cose semplici i dettagli sono importanti. La cotonina, e lo spago erano più difficili da rimaneggiare, ma alla fine è nata lei….Matilde   portacellulariImmagine

 

Vi presento l’ultima nata delle mie bimbe…Martina. E’ interamente cucita a mano, i capelli sono di lana “cardata” (e non vi dico che lavoro certosino cardare filo per filo…) , i vestitini sono di feltro e  velluto a coste, il maglioncino è lavorato ai ferri, le scarpette sono di cuoio cucite a mano.

E’ l’ultimo lavoro che sono riuscita ad ultimare, per una settimana non potrò lavorare perché finalmente sarò in vacanza. Continuerò comunque ad aggiornare il mio blog , quindi, se volete lo stesso fare due chiacchiere io ci sarò…:) Credo che vi farò un fare un viaggio nel mondo delle fate. Un abbraccio a tutte le amiche che mi leggono.martina 11

 

Quando ero ragazzina le bambole non mi piacevano affatto. Non so perché ma avevano qualcosa di sinistro per me. Era l’epoca di Cicciobello, delle bambole Furga e cominciavano ad apparire all’orizzonte le prime Barbie, ma per quanto mi sforzassi di farmele piacere, il risultato era sempre lo stesso…le rimaneggiavo un po’ e poi le abbandonavo per altri giochi. Ora, dopo anni, mi ritrovo circondata da bambole….alcune create interamente da me, altre trovate nei mercatini brutte e spesso malmesse. Quelle che creo io sono fatte interamente di stoffa, quelle che recupero in giro le disfo, le vesto a mio gusto e le cambio al punto che alla fine riconoscerle è difficile.

Le mie bambole di stoffa.

Questa bambola tecnicamente si chiama Tilda, ma per me è l’ “antiBarbie”…l’esatto contrario di quello che evoca la famosa bambola americana….una versione ironica e allegra della femminilità e della vanità femminile.100_230011

100_230311

100_230611

100_2310

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Emma, invece, è la prima bambola di stoffa fatta da me con una tecnica che presto vi spiegherò più dettagliatamente. E’ l’unica bambola, nel mio laboratorio che non è in vendita perché, essendo la prima la sento troppo mia e non riesco a privarmene. Se devo essere sincera provo una stretta allo stomaco tutte le volte che vendo una bambola, ma questa, in particolare, non la venderei per nulla al mondo.

100_2313be

100_23141

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le mie bambole “trovatelle” adottate e messe a nuovo.

Dai vestiti alle scarpette è tutto fatto a mano artigianalmente e non vi nascondo che creare e cucire i vestiti per loro è un rito. Le guardo e ognuna di loro mi ispira il vestitino e gli accessori adatti .

100_229911

Immaginebimbe1Immagine bimbaImmagine

 

 

 

 

 

 

 

Volutamente non ho dato un nome alle mie bambole in vendita perché la scelta del nome è rigorosamente riservata a chi decide di adottarle e farle proprie.

Mano a mano che nasceranno nuove bambine ve le farò conoscere e se vi interessa qualcuna di loro o se , semplicemente, volete sapere il prezzo o altre informazioni potete scrivermi:

[email protected]

Pagina 6 di 6
« Prima
...
2
3
4
5
6

Per info o acquisti

il mio negozio

Subscribe to my posts



Created by Webfish.

Archivi